CONSENSO INFORMATO PER UN’OPERAZIONE DI TRICHIASI O DISTICHIASI

Lei soffre di un anomalo posizionamento delle ciglia. Per trattare questa patologia il suo oculista le consiglia la chirurgia.
Questo documento contiene le informazioni a proposito delle ragioni, delle condizioni, dei risultati, dei rischi e dei limiti dell’intervento proposto.

LA TRICHIASI E LA DISTICHIASI

È la deviazione o la crescita anomala di una o più ciglia, dovuta soprattutto ad infezioni vecchie o croniche del margine della palpebra. La ciglia anomala sfrega sulla cornea o sulla congiuntiva causando così irritazione e, a volte, persino ulcere.

PERCHÉ OPERARSI?

Estirpare la ciglia anomala raramente risulta efficace in quanto crescerà di nuovo, nella stessa direzione, poche settimane dopo. Il trattamento definitivo consiste nel distruggerne il bulbo.

L’OPERAZIONE

Viene eseguita sul paziente sotto anestesia, in un ambiente sterile, con l’ausilio di un microscopio chirurgico.

  • Anestesia: viene fatta per mezzo di un’iniezione applicata nell’area circostante alla lesione.
  • Procedura tecnica: l’operazione implica la distruzione del bulbo della ciglia anomala.

Cronologicamente, i passi della procedura sono: disinfezione; anestesia ottenuta per mezzo di un’iniezione fatta nell’area circostante alla lesione; rimozione del tessuto anomalo; disinfezione.

Il suo oculista deciderà quale tipologia di anestesia, di sutura e di trattamento post-operatorio sia il più appropriato alla sua lesione dipendendo dalla localizzazione e dalle dimensioni di quest’ultima.

Il tempo da trascorrere in sala pre-operatoria varia dai 10 ai 20 minuti. In sala operatoria è all’incirca di mezz’ora. In breve, potrà lasciare l’ambulatorio all’incirca un’ora dopo il suo arrivo.

Se la lesione ha un aspetto poco comune, si potrà fare un’analisi ulteriore in laboratorio patologico per determinarne l’esatta natura. È sua responsabilità rimettersi in contatto con tale laboratorio, 1 o 2 settimane dopo, per avere i risultati. Il costo di quest’analisi sarà fatturata dal laboratorio patologico stesso.

NORMALE DECORSO POST-OPERATORIO

La routine post-operatoria è semplice e dura una settimana: leggero ematoma, leggero gonfiore, arrossamento e dolore da lieve a moderato alla palpebra operata.

COMPLICAZIONI DELL’OPERAZIONE

Sebbene semplice e seguita da buoni risultati, quest’operazione non è esente dalla regola generale che non esiste un intervento chirurgico privo di rischi. È impossibile per il suo oculista assicurare formalmente il successo di un’operazione.

Deve sapere che:

  • Durante l’anestesia e nonostante l’anestesia, durante la stessa operazione, c’è il rischio di disagio e, seppur avvenga molto di rado, persino di dolore. Questo rischio dipende dalla risposta del paziente alla molecola dell’anestetico. È imprevedibile.
  • Come per tutte le anestesie locali ed in ogni atto chirurgico, esiste il rischio di locali complicazioni come sanguinamento, infezione ed intolleranza generalizzata, che possono portare ad uno shock severo. Questo tipo di reazioni sono imprevedibili. Sono talmente rare da non poter essere quantificate.
  • Dopo ogni intervento esiste il rischio di una cicatrizzazione inadeguata o eccessiva che puó sfociare in una cicatrice anti-estetica. Questo rischio è più elevato in presenza di pazienti con pelle scura o che regolarmente si espongono al sole.Non è quantificabile.
  • Dopo la rimozione delle ciglia esiste la possibilità che ricrescano, cosa che potrebbe portare ad una nuova operazione. Questo rischio è imprevedibile ed inquantificabile ma, ad ogni modo, questo metodo è indubbiamente più efficace di una semplice rimozione meccanica (strappo).  

COSE ALLE QUALI IL PAZIENTE DEVE PRESTARE ATTENZIONE PRIMA, DURANTE E DOPO L’INTERVENTO.

Lei acconsente a seguire le precauzioni, i trattamenti e le visite che le saranno consigliati prima, durante e dopo l’intervento.

ALLA VIGILIA DELL’OPERAZIONE: Si tolga il trucco; lavi a fondo sia i capelli che il viso, prestando particolare accurateza allle palpebre  ed alle ciglia, continui con il resto del corpo utilizzando sapone. Si sciacqui per bene e ripeta l’operazione lavandosi e sciacquandosi nuovamente. Si asciughi con un asciugamano pulito. Dorma in lenzuola pulite con indosso un pigiama pulito. È sconsigliato assumere aspirina sia il giorno prima che lo stesso giorno dell’intervento. Può prenderla il giorno dopo. Parli immediatamente con il suo medico curante.

IL GIORNO DELL’OPERAZIONE E LA SETTIMANA POSTERIORE: Al mattino quando si alza, ripeta il processo della sera precedente (rimuova il trucco accuratamente e si lavi con sapone per due volte). Indossi della biancheria e dei vestiti puliti,faccia colazione e prenda le sue medicine ad eccezione dell’aspirina. Si assicuri di portare con sé tutte queste medicine e questo documento debitamente firmato.

Successivamente si rechi presso lo studio del dott. Saffiedine all’ora dell’appuntamento per registrarsi e pagare i costi medico-chirurgici di quel giorno. Quest’importo non è rimborsato dalla” seguridad social” ma può essere rimborsato dalla sua assicurazione privata, lo verifichi. Lo studio del dottor Saffiedine è estraneo a queste informazioni.

Durante l’operazione le si richiede di mantenere la calma e di seguire strettamente le direttive del suo oculista.

Dopo l’intervento usi il collirio o l’unguento da applicare al mattino, mezzogiorno, pomeriggio e prima di coricarsi. Questo trattamento dev’essere ripetuto quattro volte al giorno per una settimana completa.

Si consiglia di essere accompagnati da qualcuno per l’intero giorno dell’operazione.

Un lieve sanguinamento e gonfiore (ematoma) della palpebra operata non la deve preoccupare, continui a seguire il trattamento prescritto.

In caso di dolore prenda 1, 2, al massimo 3 pastiglie di paracetamolo al giorno, per un massimo di tre giorni. Eviti l’aspirina.

È sempre strettamente sconsigliato sfregarsi gli occhi.

Se le viene applicato un cerotto protettivo o una benda di gomma, questi devono essere utilizzati anche mentre dorme, sia in caso di un breve riposino che durante la notte. Si ricordi di cambiare i cerotti ad ogni applicazione dell’unguento per tutti i 7 giorni della durata delle cure post-operatorie. Il cerotto aderisce meglio ad una pelle lavata ed asciutta o pulita dolcemente con un profumo alcolico.

Le attività visive, professionali e non, sono concesse solo nel caso in cui l’occhio non venga a contatto con polvere o sporcizia.

Si consiglia di indossare gli occhiali da sole in caso di esposizione ai raggi solari.

DEVE IMMEDIATAMENTE RIVOLGERSI AL SUO OCULISTA NEI SEGUENTI CASI

  • Difficoltà respiratorie.
  • Malessere generale.
  • Febbre.
  • Sanguinamento persistente.
  • Dolore forte e continuo per un lasso di tempo superiore alle 24 ore.
Utilizziamo cookie propri o di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione sul web. Se continui a navigare, consideriamo che accetti il loro uso.  Accettare  Maggiori informazioni